Cinque poesie inedite di Angela Caccia

scalone_giganti_02

 

Io e il cielo
un legame naturale
gli occhi m’allacciano
senza contenerlo
la mente lo abbraccia
senza scandagliarlo
… ci sarebbe il cuore
come punto di contatto
e a volte non è tempo di poesia

la mano si libera dalla carezza
il pensiero è pagano
lo sguardo inclemente
non una diagonale per appiglio
le cose si chiamano per nome
e i nomi sono monoliti
se non c’è un verso che li umanizzi
così cadono
e cadono con rumore

ci sono giorni che portano con sé
il tanfo di una guerra che si deve fare
(tornerà il cuore
a misurare quant’è stata buia la notte)

*

Una casa non ha meriti
ma stanze predilette
la luce le sceglie
le bacia
s’accuccia e dorme
angoli di conforto
piccoli regni
cieli di rondini per sempre

barrare l’ingresso
all’ombra
che s’adagia a velo sulla carne
e mette in bocca altri alfabeti
non è questione di ampiezze
ma legittima difesa

(… diventerò mai grande?)

*

Bisognerebbe giocarsi la carta della tristezza
ogni tanto liberamente,
aprire il vaso di Pandora
lasciare defluire i fallimenti le implosioni

all’ingiù gli angoli della bocca
crespa la voce da sotto le pietre
sia insolente lo sguardo e trapassi ogni cosa
felicemente infelice nella sua galera
-per bilanciare le tenebre
si dorme con la luce accesa-

bisognerebbe giocarsi la carta della tristezza
così come fosse una resa
per tornare ad urbanizzare le emozioni
e ritrovare i motivi per cui ci si vuole bene

*

Barare è la tentazione della prima parola
già alla seconda
il cuore ti manda a dire
che non apporrà alcuna firma
a quanto scrivi

arrendersi
a ciò che sei e null’altro
un suggerimento a mezza bocca
né basteranno
mille naufragi per un approdo

*

Vissuto/vivenze
piani orizzontali
visioni a mezzo busto
in un apprendere di seconda mano

umano/divino
verticalità audace
sentiero più serpeggiante
l’eternità è una sorta di risarcimento

tutto nell’orbita di un abbraccio
le parole sono barchette di carta
la voce un fiume
sulle sponde distici barbari

Angela Caccia

 

angela-cacciaAngela Caccia, vive e lavora a Crotone; scrive per lo più poesie e qualche nota di lettura; ha partecipato con buoni risultati a molti concorsi nazionali e non, ed ha un ricco curriculum; a suo attivo, la pubblicazione di cinque sillogi:

Il canto del silenzio, Ici Napoli 2004, Il fruscio feroce degli ulivi, Fara Editore 2013, Il tocco abarico del dubbio, Fara Editore 2015, Piccoli forse, Lietocolle 2017, Accecate i cantori, Fara Editore 2017

 

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...