Poesie vincitrici della IV edizione del premio letterario “L’Albero di rose”- Sezione II

IMG-20190530-WA0004

Sezione II “Leonardo Sinisgalli” – Poesia inedita ispirata ai temi di Sinisgalli antropologo: la poesia che scaturisce dall’urto con gli oggetti, simboli di culti primordiali; la mitologia domestica, la mitologia del luogo grezzo e sobrio. È nel luogo che meglio si leggono “le formule semplicissime che regolano il mondo”.

 

Terza classificata:

SARA’ SERVITO A QUALCOSA

Sarà servito a qualcosa
leggere Omero, lasciarsi disturbare
il sonno da una lettera, vivere
fino la ferita
e a un grido sotterraneo
uscire fuori dal calcolo?
Sarà servito
innamorarsi, spartire
in due il peso di se stessi
lasciarsi incurvare e all’occorrenza
fare del dubbio
l’unico fronte di liberazione?

…come Giacobbe e la sua anca rotta
poter lottare col proprio
angelo per meritarsi un nome.

Angela Caccia

 

Seconda classificata:

DIMENSIONI, MOLTE

Poca cosa, in pianta, questa stanza
pochi metri per metri di piano in calpestio,
tanto breve è il passo che la percorre.
Poca cosa davvero se non fosse
che torno torno netti muri la recingono,
a squadra, generando la terza dimensione
creando lo spazio che mancava
barriere ai venti, agli sguardi, all’intrusione.

Come quarta dimensione, poi, un soffitto
contro pioggia e raffiche di sole.
I muri, infastiditi d’esser pagine bianche,
s’adornano di quadri e di memorie
con mensole che aggettano e raccolgono
a creare quinte e seste dimensioni
a farne altre, tante quanti sono
i disposti, pensati e figurati mondi,
tante quanto le immagini richiedono,
quanti gli oggetti che su loro stanno.

Ed ecco che lo spazio che mi attornia
diventa minimo e nuovo cosmo
nave o navicella, nucleo vitale
col mobile dispensa che racchiude
tempo e lavoro, tempo reso lavoro,
tempo racchiuso nell’opera dei giorni.

E mi immagino insetto, forse tarlo,
per addentrarmi nell’ombra degli stipi
stanze nella stanza, dimensioni ancora,
altre, nuove e avvolte che mi avvolgono.

Giuseppe Alfonso

 

Prima classificata:

IL GIGLIO DI MARE

ornava la spiaggia
da cui scorgeva l’acropoli di Elea
il giglio di mare:
aveva affrontato libeccio e maestrale
senza impallidire

allora noi bambini
si andava per canneti
a fare capanne improvvisate
e cerbottane
mangiavamo la sorba spontanea
e una radice dal sapore di liquirizia

era il tempo che la Porta
usciva dalla terra
Parmenide ci osservava
paterno

Bruno Di Pietro

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...