Alcune poesie di Maria Grazia Insinga tratte dalla silloge inedita”OPHRYS”

ophrys-episcopalism

piuttosto dà una mano ad andare contro
e al vallone degli angeli va con un sasso
in bocca. Poi, scancella la bocca.

ERLEBNIS

I velo

all’esecuzione non potevi andare in due
l’una non vedeva l’altra
la testa cadeva una, poi l’altra
una alla volta e nessuno aveva intenzione
di bisbigliare le notti senza aversi
riaversi in luogo del collo cosa
in luogo della bocca cosa
cantare a quattro voci nell’uovo

II velo

il ricovero il sostrato la grammatura
specie genere famiglia provenienza
irreggimenta e cataloga giuditta
e giuditta l’atto col quale penetri
il velo coincide con la vita percezione
non consapevole all’ombra nell’uovo
non serve una retrospettiva non serve
tornare la luna celata in mezzaluna

 

NIKE

I rogo

a lei dai quanti? nomi dati nell’impotenza
in balia di una cosa sola di due uscita dalla bocca
a mostrificare fornicare l’impotenza del sesto precetto
dei sesti è una morte sola di due come se ora
non si potesse che restare monchi di fronte a lei il tutto
non si potesse che ridere la lingua franta a lei il lutto
salva dal rogo solo con altro rogo un altro uno?

I rogo’

in ragione della solennità
in quattro tempora nel piatto
in pezzi d’arte i nervi gli avanzi niente
in niente sepoltura e nessuno
niente olio fiori spighe a grappoli

e nessuno viene, forse in povertà
e polvere, spoglie senz’acqua
e nessuno è salvato forse mezza salma
e nemmeno, da dove di dove va viene
il piatto è vuoto il piatto è un rogo

 

ABNEGAZIONE

I lingua

È commossa per l’abnegazione della lingua
ora riprende l’anima ora la vende
a cattivo rendere e non conti contenuto
ma la conta sui corpi tolga le mani dagli indizi

o dalla bocca e la vogliono ma sparisce
semina a deserto il deserto a fonemi di vento
il sonno sogna mostri senza bocche
senza bocche per non uscirne.

II lingua

Si arrendono alla poesia
ai suoi pidocchi
a vivere sproloqui diversi
di un’unica cognizione
di quello che non sanno
di quello che stai facendo
e dici cosa, cosa starai facendo
soffro come un cane
più del mio cane.

 

MIROGLIFICI

I giudizio

non farti usare, i miroglifici senza mistero
sottopongono a giudizio tutti i giudizi
e l’energia di figure recuperarla con l’oro
nelle depressioni saline sulla clavicola
recuperare l’origine ridurre la distorsione
col tasto dello strumento, la postura

II giudizio

nuotava così bene
l’acqua le nuotava
e il giudizio

tra un minuto sarà leva
per l’elevazione
salteranno anche due dita
di comprensione
entro nella bocca del mostro
nessuno mi riconosce

Maria Grazia Insinga

mgMaria Grazia Insinga nasce in Sicilia il 20 aprile 1970. Dopo la laurea in Lettere moderne, il diploma in Conservatorio e in Accademia si dedica all’attività concertistica e all’insegnamento nelle scuole secondarie. Nell’ambito degli studi musicologici censisce, trascrive e analizza i manoscritti musicali inediti del poeta Lucio Piccolo. Suona in un duo pianistico ed è docente di Pianoforte presso l’Istituto “G. Verga” di Acquedolci. Nel 2014 la raccolta La porta meta fisica è segnalata al Premio Montano. Sempre nello stesso anno, con il sostegno dell’Assessorato alla Cultura di Capo d’Orlando, idea il Premio di poesia per i giovani “Basilio Reale” La Balena di ghiaccio giunto alla terza edizione e presieduto da Emilio Isgrò. Alcuni testi si trovano nell’antologia Il rumore delle parole (Edilet, 2014) curata da Giorgio Linguaglossa, nel secondo volume dell’antologia Blanc de ta nuque (Le voci della luna, 2016) curata da Stefano Guglielmin e in Umana, troppo umana (Aragno, 2016) a cura di Fabrizio Cavallaro e Alessandro Fo. Nel 2015 vince il concorso Opera prima, iniziativa editoriale diretta da Flavio Ermini e a cura di Poesia2punto0, con la silloge Persica (coedita da Anterem e Cierre grafica). Nel 2016 entra a far parte del consiglio editoriale di Opera prima. Nello stesso anno la raccolta Ophrys è finalista alla XXX edizione del Premio Lorenzo Montano.

Annunci
3 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...