Tre poesie di Antonio Pizzol da “Pleasantville – Bibion, solo d’estate”, Oèdipus – 2019

9788873412151_0_0_626_75

 

Xe proprio in quel moment lì che sto ben,
coe man cge ‘e vedo già nere
sensa neanca aver ‘l cofano verto
che so che xe a bateria
o qualche cavo distaca’,
che basta un tuco, na streta,
e tuto se giusta e va…
prima de aver le mani nere
e i dei scusai, prima
de sudar incastrà drio del filtro
coe ciavi che ‘e casca e se sbrega ‘l manual,
tanto prima de no saver niente
e de sentir da n’altro le parole
alternator e bobina.

E’ proprio in quel momento lì che sto bene/ con le mani che già le vedo nere/ senza avere ancora aperto il cofano/ che so che può essere la batteria/ o qualche cavo scollegato/ che è sufficiente un contatto, una stretta,/ e tutto si aggiusta e funziona…/ prima di avere le mani sporche di grasso/ e le dita rovinate, prima/ di sudare incastrato dietro al filtro/ con le chiavi che cascano e si strappa il manuale/ molto prima di non sapere niente/ e sapere da un altro le parole/ alternatore e bobina.

 

Te par de bevar se dixe schersando
co la boca de raspa
incatonà su un fianco.
Se lo dixe al to amigo
che sta rinunsiando a svejarse a le do
con un can par compagno

Ti sembra di bere si dice scherzando/ con la bocca che sa di grappa/ rannicchiato su un fianco./ Lo si dice al tuo amico/ che sta rinunciando a svegliarsi alle due/ con un cane come compagno.

 

(Descrision mia, fata da mi, pensando a ela che descrive mi par come son)

Te rubaria tutto ‘l to dormir
co te si stracco
e coi fa casin,

il to saver tignir i schei
da conto e le parole,
ciavarte dea fam
e no ‘ver mai fastidi
par niente,

te rubaria i sorisi
che ta fan i putei,
il legame che te ga
coe piante
e la tuta tua amicisia
col Signor e i so’ Santi.

Ti ruberei tutto il tuo dormire/ quando sei stanco/ e quando c’è confusione, / il tuo essere capace di risparmiare i soldi/ e le parole,/ di fregartene della fame/ e di non avere mai fastidi/ per nessun motivo,/ vorrei rubarti i sorrisi/ che ti fanno i bambini,/ il tuo rapporto/ con le piante/ e la tua particolare amicizia/ con il Signore e i suoi santi.

Antonio Pizzol

 

downloadAntonio Pizzol (Pordenone, 1988) vive a Treviso. Laureato in Lettere Moderne a Trieste e in Filologia a Siena. Suoi versi sono presenti in riveste on-line e cartacee (“Poliscritture”, “Poesia di Luigia Sorrentino”, “Poeti e Poesia”) e raccolti nel volume Il centro di un’intera stagione (Lietocolle, 2017).

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...