Due poesie inedite di Michela Zanarella

accattone-1200x480

 

DITEMI CHE IL CIELO

Ditemi che il cielo è l’orizzonte
di chi ama
e che l’essenziale cresce nella corteccia
degli alberi.
Sottoterra passano radici come funi
per le altezze
e tutto ciò che sta sopra è il riflesso
di corpi che prima erano carne
e poi furono luce.
E’ strano ma li conosco uno ad uno
quegli sguardi che ora hanno voce di nuvola
mi danno in prestito le loro vene
e mi insegnano il fiato umano
come se fosse aria che scosta foglie dai marciapiedi.
E’ dal vento che riconosco il turno
del mio cuore nel tuo:
è vero, arriverà il tempo di respirare
con gli occhi.

 

VIA OZANAM

Via Ozanam
c’è gente che per fortuna ancora legge Pasolini
e ha qualcosa da dire
a una città già sepolta
dai suoi stessi secoli.
La piazza brucia e non è un incendio
ma un sole malato
che pretende le scuse del mondo
che l’ha reso violento negli occhi e sulla pelle.
D’estate per un po’ di respiro
si aspetta il tramonto a Villa Pamphilj
e chi rimane a guardare alla finestra
non dorme la notte
ferma la luna sui vetri
vuole vedere se resta
o se passa per le baracche del mercato
a chiamare un paio di stelle
a svegliare il cielo.

Michela Zanarella

 

michela-zanarella-2Michela Zanarella è nata a Cittadella (PD) il 1° luglio del 1980, è cresciuta a Campo San Martino (PD) e dal 2007 vive e lavora a Roma, a Monteverde. Ha iniziato a scrivere poesie nel 2004 dopo il coma, in seguito ad un tragico incidente, e da allora ha pubblicato vari libri: “Credo” (2006), “Risvegli” (2008), “Vita, infinito, paradisi” (2009). Per la narrativa ha pubblicato il libro di racconti “Convivendo con le nuvole” (2009). La silloge “Sensualità” (2011), “Meditazioni al femminile” (2012), “L’estetica dell’oltre” (2013), “Le identità del cielo” (2013); in Romania le hanno pubblicato la silloge “Imensele coincidente” (2015); per ARTeMUSE ha pubblicato “Tragicamente rosso”, silloge contro la violenza, con incluso il monologo teatrale (2015); per la narrativa ha pubblicato la biografia della cantautrice Linda d “Nuova identità. Il segreto” (2015); per PoetiKanten Edizioni ha curato con Lorenzo Spurio il volume “Pier Paolo Pasolini, il poeta civile delle borgate”; per Progetto Cultura ha pubblicato il volume “Parole escluse” (2016); “Le parole accanto” (2017) per Interno Poesia; “L’esigenza del silenzio” (2018) per Le Mezzelane; “Come erano i Ragazzi di vita”, una interpretazione dell’opera di Pier Paolo Pasolini, per EMUI, Euro Mediterranean University di Madrid (2018).

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...