“Tètt, Charlot accetturese” poesia di Luciano Nota

Charlie-Chaplin-cappello-venduto-asta_h_partb

Tètt, Charlot accetturese

Era lui, non avevo dubbi.
Era lui con l’onda spumosa
e la corda come cinta.
Mai avrei pensato di poterlo incontrare,
turbarmi con lui, sentirne l’effluvio.
Non parlava, no, a stento ascoltava,
ogni cosa la passava al cane,
il cane bianco unto come lui.
Bello, sì, più bello di chi lo aveva deriso.
Era lui, Charlot, il macchiato dal tempo
Il volo dell’insetto.
Era un piacere allungargli la luce
il filo d’erba appena formato.
Mangiava la luce, il filo d’erba
l’attaccava al cane.
Col respiro dipingeva gli stivali
gettati oltre il tuono degli umani.

Luciano Nota

Annunci
2 commenti
  1. Espressione profonda di adesione umana e simpatia verso gli umili, ai margini della vita sociale, in cui brilla pur sempre uno sprazzo di luce e di vita autentica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...