I MAESTRI: Bartolo Cattafi, scelto da Antonella Taravella; Derek Walcott, scelto da Paolo Ottaviani

bartolo

Bartolo Cattafi

 

PRINCE’S STREET

Le grandi ombre sospese nella nebbia
toccano il suolo, vanno
nell’erica degli alti territori,
i Re a cavallo
con fiaccole di fosforo,
i Maghi, gli Emblemi, i Cavalieri.
Non ho l’unguento da mettere sui margini
né la statua che colmi questa nicchia
quando il falco ha fatto il suo viaggio
dal pugno a un cuore.
Copriti il buio del petto, il vuoto sibilante
se il vento entra in Prince’s Street come
in un lungo sentiero illuminato.
Nella tasca del nero
impermeabile che sventola al mio fianco
c’è il fiammifero spento, c’è il leggero
tabacco che fumano i fantasmi.

*

220px-Derek_Walcott

Derek Walcott

 

MAP OF THE NEW WORD

Archipelagoes

At the end of this sentence, rain will begin.
At the rain’s edge, a sail.
Slowly the sail will lose sight of islands;
into a mist will go the belief in harbours
of an entire race.
The ten-years war is finished.
Helen’s hair, a grey cloud.
Troy, a white ashpit
by the drizzling sea.
The drizzle tightens like the strings of a harp.
A man with clouded eyes picks up the rain
and plucks the first line of the Odyssey.      

 

MAPPA DEL NUOVO MONDO

Arcipelaghi

Alla fine di questo brano comincerà la pioggia.
Sul filo della pioggia, una vela.
Lentamente la vela perderà di vista le isole;
svanirà in una foschia la fiducia nei porti
di un’intera stirpe.
È finita la guerra dei dieci anni.
I capelli di Elena, una nuvola grigia.
Troia, una bianca cava di cenere
nei pressi di un mare piovigginoso.
La pioggerellina s’infittisce come le corde di un’arpa.
Un uomo dagli occhi annuvolati fiuta la pioggia
e fa vibrare il primo verso dell’Odissea.

( traduzione di Paolo Ottaviani)

Annunci
2 commenti
  1. Appena ho letto le poesie di Derek Walcott qui presentate in traduzione, da laico ho pensato: Che Dio regali mille anni di vita a Paolo Ottaviani”. Nessuno mai come questo autore delle West Indies è riuscito a rendere il conflitto tra la cultura europea e quella delle ex colonie. I ritmi dell’idioma creolo mescolati al vocabolario continentale hanno fuso l’inglese con le espressioni locali delle parlate autoctone in un mixer che non deve essere in alcun modo confuso con un semplice pidgin.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...