Cindy Sherman, “Autoritratto di Marilyn Monroe”, 1982

c_scalefl_progressiveq_80w_800Un altro artista, un’altra Marilyn, ma per una sensibilità postmoderna come quella di Cindy Sherman la star non è soltanto un’immagine, bensì uno studio della rappresentazione, in particolare della rappresentazione femminile. Questa immagine (Fotografia a colori, 1982, New York) appartiene a una vasta serie di “fotogrammi” in cui l’artista si cala nei panni di attrici hollywoodiane del passato. Sherman ha esplorato altri ruoli stereotipati della storia della femminilità, dalle sensuali pin-up alle Madonne medievali.
Anche se non ho mai pensato che le mie opere fossero femministe” dice Cindy Sherman, “tutto nasce dalle mie considerazioni come donna in questa cultura“. Le sue opere presuppongono una certa distanza critica da un’iconografia massificata che Warhol, ad esempio,  era pronto solo a celebrare. Come molte altre donne, Sherman si è occupata del fatto che i mass media tendono a rappresentare la donna come un oggetto, ponendola in na posizione fondamentalmente passiva di fronte allo “sguardo” dell’uomo. Nei lavori eseguiti per l’industria della moda, l’artista ha cercato di rovesciare questo genere di convenzioni, mettendo in caricatura i canoni della bellezza femminile.

Michael Kerrigan, Arte Contemporanea, Logos

d2e650e68f091d331204fb71f388a9d5

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...