Flavio Pagano, “Perdutamente”, Giunti Editore – 2013, letto da Dante Maffia

Terribilmente amaro, terribilmente divertente, terribilmente vero questo romanzo di Flavio Pagano che affronta un argomento scottante e delicato, una delle piaghe del nostro tempo: l’alzheimer. Lo fa senza sovrappesi, senza aggiunte, senza  colorare di angoscia quel che di per sé è già angosciante fino all’inverosimile. E’ la storia di una vecchia signora che si ammala e, come… Continue Reading


Totò, Pasolini e Roma, di Marco Onofrio

Parlare del rapporto fra Totò e Pasolini, sullo sfondo di Roma, prelude inevitabilmente al ricordo doloroso della sua dipartita (15 aprile 1967). Totò aveva appena finito di girare il terzo, splendido frutto del loro sodalizio: il cortometraggio “Che cosa sono le nuvole”, episodio del film Capriccio all’italiana. Toccò a Pasolini, dunque, cogliere e firmare il… Continue Reading


Il profondo occhio della rimembranza: Pink Floyd, “The Endless River”, di Fabio Lacovara

Sono state spese milioni di parole sul disco di ritorno dei Pink Floyd. Certo non poteva essere altrimenti data la caratura della compagine inglese e ciò che essa ha rappresentato per intere generazioni. Da par mio, interpreto l’ultimo album di questo gruppo inimitabile come un triplice atto di amore. Quello di David Gilmour e Nick Mason nei confronti… Continue Reading


Piero Raffaelli, “Il libro dell’ultimo flagello”, Venosa, Osanna Edizioni – 2014, letto da Dante Maffia

Non ho le conoscenze adeguate per poter stabilire quanta invenzione ci sia in questo romanzo (un romanzo senza nessuna invenzione non sarebbe tale) e quanta verità storica, ma credo abbia poca importanza. Jorge Luis Borges inventava perfino le fonti e con disinvoltura indicava luoghi e date come se realmente avesse avuto tra le mani i… Continue Reading