Due poesie di Fabrizio Milanese

xenakis_legende_1269003987

Vulnerabili lumi mi allontanano
dal volo sicuro dei lidi.
La fitta del bosco mi divora
con l’atroce silenzio dei sospiri.
Non è l’essenza delle foglie
a imbastirmi le mani disfatte
ma il mio stesso vagare tra roveti
di un confuso mercato dei sensi.

*

Non ho carte di credito
a differenza dei poeti.
Non ho nemmeno poesia
a differenza del diavolo.
Non ho nemmeno tempo
a differenza di Dio.

Fabrizio Milanese

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...