“Ostaggio della vallata” di Fausta Genziana Le Piane, Edizioni Tracce – 2014, letto da Giovanni Pistoia

GenzianaLePianeBambini giocano sulla spiaggia. Hanno tra le mani biglie colorate. In piccoli solchi costruiti sulla sabbia rotolano e vanno verso il mare. Ed entrano in un castello da favola, arrivano fino alla stanza del re e regaleranno la collana delle meraviglie alla regina. Le biglie sono le parole che sgusciano tra le dita di Fausta, e ne tessono sogni e ne raccontano emozioni. Il fantastico e il reale s’intrecciano, la vita e i suoi colori si abbarbicano e chiedono un abbraccio, un senso, una meta; chiedono di essere rivelati, e chi meglio di una buona poesia sa dare loro ansia e palpiti, sorrisi e nostalgia.

“Torneranno le parole” è la poesia con la quale Fausta Genziana Le Piane chiude la raccolta, intensa e problematica, dal titolo suggestivo “Ostaggio della vallata” (Edizioni Tracce, marzo 2014).

Torneranno le parole.
E saranno come biglie colorate
spinte
dalle agili dita
di bambini concentrati
sul gioco dell’estate.
Rotoleranno impazzite
frettolose alla meta
nel solco sinuoso della sabbia
che porta all’entrata di un
castello sognato.
Entreranno trionfanti
fino alla stanza del re
e regaleranno una collana
scintillante alla regina.

Le parole non sono mai andate via dalle mani fruttuose di Fausta. Chi conosce i suoi testi sa con quanto amore, intelligenza, conoscenza e sincerità lei scrive, consegnando alla carta stampata, stati d’animo, impressioni e riflessioni, perché rendano partecipe il lettore della linfa che scorre nel suo corpo, fatto di sangue, carne, anima. E di profumi che non conoscono aggettivi. E le parole non sono andate via neanche e soprattutto in questa raccolta, che non va letta ma sorseggiate, distillata, analizzata, fatta propria.

Una raccolta di poesie non può essere raccontata, commentata, recensita -una raccolta è già di per sé un racconto- anche se, me ne rendo conto, le note critiche contribuiscono a rendere più chiare le istanze formali e sostanziali di un poeta. La fortuna di chi non è un critico letterario, né di professione né per passione, è quella di non dover soggiacere a una rigorosa metodologia nell’approcciarsi a scrivere qualcosa. Ecco perché mi permetto, quando mi capita, di stendere sulle parti bianche del libro, o su un foglietto a parte, qualche annotazione mia, tutta mia, a registrare, in un certo senso, quello che quei versi mi hanno lasciato nella mente e nel cuore. Per questo motivo non leggo, in prima istanza, la prefazione, non desidero essere condizionato da nessuno. Voglio essere solo io e i versi, il dialogo, se s’instaura, deve essere non condizionato, senza alcun’altra presenza. Se quei versi mi parlano, parlano anche di me, se mi fanno riflettere, se mi accarezzano il cuore, vuol dire che è scoppiato un amore, una forte amicizia, una intesa con quelle poesie, poesie che, ora, graffiano la vita, ne scorticano gli arcani, ne cercano un senso, il limite, il finito e l’infinito. Certo, poi, leggo, e anche con interesse, l’eventuale nota critica presente, ma ormai non può più condizionarmi, può solo confermarmi o meno alcune valutazioni, aprire nuove strade di lettura. È accaduto anche con “Ostaggio della vallata”, che mi ha rapito, mi ha portato lontano e, nello stesso tempo, mi ha parlato delle cose minute che, comunque, riempiono le nostre giornate.

Sono stato soprattutto “ostaggio” della ricerca di Fausta, della parola giusta, raffinata, sobria, per esprimere un concetto, un contenuto. Non, quindi, una fuga nel contenuto a scapito della forma e del linguaggio, né il contrario, una ricerca stilistica vuota. Ho come l’impressione che Fausta non si accontenti mai della parola che usa. Mi viene in mente un verso, molto bello, di Domenico Brancale nella raccolta “L’ossario del sole” (Passigli, 2007): “Non sarò mai al sicuro dentro la parola”. Mi pare, e non so se sbaglio, che Fausta non si senta mai sicura della parola che usa, del verso che detta, ma cerca dentro la parola e il verso tutta se stessa. E questa ansia stilistica, ma che non è solo stilistica, coinvolge il lettore. C’è dentro questa fatica non solo la sua visione poetica ma anche, suppongo, la sua passione di traduttrice.

Non ho potuto, ovviamente, non tuffarmi, sia pure in un secondo momento, nelle note critiche che accompagnano il volume. Plinio Perilli firma la prefazione e la postfazione. Ma non solo: a piè pagine di ogni poesia vi è un suo commento, una riflessione, una suggestione, una interpretazione. È come se Perilli, con la sua capacità di critico sottile e di poeta, afferrasse per mano Fausta e il lettore e li accompagnasse in questo giardino poetico, dove le spine non mancano e Fausta, con le sue dita delicate e comunque abituate alla corteccia rude delle querce, tenta di spuntarle. A volte restano, in bella vista, le rose, altre volte, le spine hanno il sopravvento, e quando pungono ne avverti il dolore. Un po’ come la vita: profuma, ma quanta sofferenza lascia sul campo, quante ferite nella vallata che vuole solo rinverdire.

Giovanni Pistoia

LePianeFaustaGenzianaFausta Genziana Le Piane, nata in Calabria, vive ed opera a Roma. Laureata in Lingue, ha insegnato francese e ha vinto una borsa di studio per la Romania.
Ha curato le schede di lingua francese per la grammatica italiana comparata di Paola Brancaccio e adattato classici francesi per la scuola superiore. I suoi libri di
poesie, Incontri con Medusa, La Notte per Maschera, Gli steccati della mente e Stazioni/ Gares hanno incontrato il favore della critica.
Con Tommaso Patti, ha pubblicato la raccolta di
racconti Duo per tre, cui ha fatto seguito Al Qantarah-Bridge, Un ponte lungo tremila anni fra Scilla e Cariddi. Ha pubblicato una raccolta di racconti, La luna nel piatto, con annesso un sedicesimo dedicato alla pittura di Pinella Imbesi, Interviste a poeti d’oggi, Un libro, un luogo: itinerari dell’anima e Gente (non) comune.
Si occupa di critica e recentemente ha pubblicato
La meraviglia è nemica della prudenza, invito alla lettura de L’arte della gioia di Goliarda Sapienza, Edizioni Eventualmente.
I libri:
Gente (non) comune, Interviste a Poeti d’oggi e La meraviglia è nemica della prudenza sono usciti in e-book per la Dante Alighieri Edizioni di Roma. Iscritta all’Ordine dei giornalisti, dopo aver scritto per “Il Giornale d’Italia”, ora cura una rubrica d’arte per la Consulta delle donne di Wanda Montanelli (“Parliamo d’arte”) e una pubblicazione bimestrale internazionale “Kenavò” da lei fondata. Ha pubblicato una serie di quaderni (I Quaderni di Casa Duir).
Ha partecipato con i suoi collages a varie esposizioni.
Alcune poesie sono state tradotte in francese, tedesco, inglese, spagnolo, romeno, russo, altre sono state musicate dal compositore Giorgio Fiorletta ed altre ancora, infine, sono state oggetto di studio, a cura del Professore Patrick Blandin, fra gli studenti della facoltà di Lingua e Cinema Italiani dell’Università di Tolosa e di Bordeaux.
Hanno parlato di lei: Dante Maffia, Italo Evangelisti, Plinio Perilli, Massimo Colesanti, Giorgio Bàrberi Squarotti ecc.

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...