Una poesia di Paul Eluard tradotta da Luciano Nota

600full-paul-eluard

POUR UN MOMENT DE LUCIDITE’

Les rapaces
A boire
Le sang paisible
Le sang gourmand
Les mal vetues à la robe de flammes
Dévastation des charmes
Des sourires à la lance des toilettes
Aux boucliers de la tete légère
De l’orage

Tout est permis
A la rencontre des halos
A la promenade sans espoir
Tourbillons innombrables
Sur les seins découverts

Morts inhumains
Oubli
Morts invisibles
Prunelle aveugle impérissable
Alliée à ce qu’elle devrait voir
Un nuage lui dévoile
La nuit qui s’est faite sans elle

A boire
Le jour au fond d’une serrure

PER UN MOMENTO DI LUCIDITA’

I predatori
A sorseggiare
Il sangue posato
Il sangue prelibato
Le trasandate dall’abito rosso
Rovina delle malie
Delle euforie alla lancia delle toilette
Alla difesa della mente leggera
Della bufera

Tutto è concesso
Al congresso degli aloni
Al giro senza auspicio
Turbini infiniti
Sui seni svestiti

Morti disumani
Distacco
Morti astratti
Occhio murato inarrestabile
Legato a ciò che dovrebbe vedere
Una nube le dichiara
La notte scesa senza lei

A vuotare
Il giorno alla fine di una sbarra

Annunci
3 commenti
  1. Mancano i segni della punteggiatura senza però generare difficoltà interpretative di eco surrealista. Come nei quadri di Dalì è una sintesi di temi che affrontano tutti gli uomini fuoriusciti dai conflitti, non solo bellici. Staccare la vita da sé e avviarsi a una morte (non per forza quella fisica) che coincide con l’incrinarsi delle certezze. Poi attraverso ferite corporali e spoliazioni si torna all’egoismo e alla disperazione soprattutto quando mancano intesa e comprensione. Versi sputati con assoluta sincerità caparbia come di chi parla delle sue esperienze erotiche con intensità furore rabbia per recuperare i mille nervi di un’erezione fallita.
    Questa lirica è uno scorcio luminoso e fervido che denuda l’essere umano di ogni sostegno nel suo processo di nullificazione, reso qui magistralmente nella traduzione di Luciano Nota Sabatella.

  2. Se tradurre è tradire, in poesia traduzione è e deve essere rivisitazione, appropriazione. Piaccia a Luciano e agli altri Autori cimentarsi più spesso nella traduzione, nella rivisitazione, nella parodia, con l’impronta inconfondibile di ciascuno, di quanto già scritto da altri. L’esito non può che essere all’altezza delle aspettative.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...