Caterina Davinio, “Sensibìlia”, Ladolfi Editore, letto da Narda Fattori

Layout 1Non siamo nuovi agli exploit letterari di Caterina Davinio, sempre ardimentosi, sapidi, virulenti. Violenti e amaramente angosciosi. Questo romanzo, vale la pena ricordare che “romanzo” è narrazione di eventi che riguardano persone, si gioca con pochi personaggi che si muovono sul lato della scarnificazione fisica aumentando contemporaneamente una sensibilità rapace , costruita su un Es che si è impadronito di tutto, del fisico, della forma, del dato e diventa ombra sempre più scura e impenetrabile. In questo mondo agonico, di insopportabile dolore e di altrettanto insopportabile piacere, si inoltra Carmela, giovane (?) , sposa, inquieta (?) che si lascia catturare dalla ragnatela di un signor X, molestatore telefonico. L’assenza di un nome , da parte del signor X , segnala che la sua visione  appartiene ai sogni, all’immaginazione, alla violenza che abita le viscere della protagonista. Leggiamo un romanzo sul male dell’amore: l’amore si rannicchia nell’oscurità, si frappone alla luce, chiede e non dà, ruba godendo del dolore altrui. Il signor X trasforma la “comune” Carmela in Luna ,  depravata, insaziabile di sesso, infida e eroicamente infelice. Nel romanzo sono totalmente assenti descrizioni fisiche, cosicché il signor X ha le beltà che si desiderano in un uomo: fisico perfetto, volto dai lineamenti suggestivi, sguardo acuto , espressivo e ipnotico. L’innamoramento di Luna trascende l’omologo maschile, la donna va oltre alla ricerca delle radici del dolore e del piacere: Eros e Thanatos hanno lo stesso corpo bifronte e condividono le pulsioni e le azioni. Quando finalmente la protagonista sente che è lei a reggere le redini del rapporto, chiede al compagno di spingersi sempre più oltre sul terreno dell’annientamento, lui abbandona il gioco , forse è veramente innamorato; Luna invece cerca disperatamente la cessazione del dolore e della sua acuzie. Troverà, lei animale rattrappito, topo che le vive e si nutre delle sue viscere, Brigitte, un transessuale. Ma anche lei non riesce a sopravviversi. Torna alla casa avita, spoglia, con un padre anziano che ciabatta per dirsi ancora vivo.  Qui si colloca un lungo flash-back sulla morte per malattia della sorella amata. Un lettore attento ’aspetterebbe  di cogliere le origini delle disfunzioni sul piacere e sul dolore di Luna. Pare che la psicologia conosca tutti i malanni senza nome, e invece no. La morte della sorella è solo  una tregua in tanta angosciata disperazione. Luna riparte nel suo viaggio buio con una sola idea: un volo in curva e stop. Incontrerà chi vorrebbe portarla alla normalità, naturalmente va incontro al fallimento. La fine, comme il faut, qui è taciuta. Il romanzo di Caterina si legge voracemente . Scritto con un dettato veloce, non compiaciuto, trascina il lettore a chiedersi…” che altro?”. Se il linguaggio è limpido, a “Sensibìlia” non manca la struttura: suddivisi in sette sezioni, cinque si appellano ai sensi, il sesto è il settimo conducono verso la conclusione. Tuttavia la struttura non irrigidisce la narrazione , anzi salda i nodi narrativi. La lettura di questo romanzo è senza dubbio un’esperienza che smuove le sensibilità pigre, le intelligenze miopi, le solitudine perdute nelle gazzarre. Sgradevole ma intenso, un bell’esempio di scrittura.

Narda Fattori

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...